Accudisce la moglie paralizzata da 56 anni

Du Yuanfa è un uomo cinese che per 56 anni della sua vita, dopo aver lasciato il suo lavoro, si è preso cura di sua moglie paralizzata completamente

Il vero amore, quello eterno, profondo e appassionato, potrebbe sembrare al giorno d’oggi un’utopia per molte persone, ma non per Du Yuanfa. L’uomo è un contadino di un piccolo villaggio cinese di 84 anni che nel nel 1959 convola a nozze con la sua amata Zhou Yu’ai, all’epoca poco più che ventenne. La donna, pochi mesi dopo il matrimonio, rimane paralizzata dalla testa ai piedi a causa di una malattia ancora oggi sconosciuta. Du decide quindi di lasciare il suo lavoro a tempo pieno per accudire la moglie e starle vicino in questo momento di difficoltà.

La vicenda

All’epoca l’uomo lavorava come minatore lontano da casa sua e apprese la notizia della paralisi della moglie tramite una lettera inviata dai suoi parenti. Non appena ne viene a conoscenza lascia il suo lavoro per tornare a casa e decide di diventare un contadino per poter sopravvivere con quello che coltivava. Sua moglie perde la sensibilità in ogni parte del corpo e, con questa, anche la possibilità di rimanere incinta e dare vita a una famiglia. Nonostante il numero incredibile di dottori che hanno visitato nel tempo la donna, però, non si è ancora trovata la causa esatta della malattia. Nonostante ciò, Du è rimasto al fianco della moglie per 56 anni. Anni di amore profondo e sacrificio, a prendersi cura della propria anima gemella prigioniera di un corpo incapace di rispondere alle attenzioni, ai baci, alle carezze.

foreign201511201322000594131886816

La solidarietà del vicinato

I vicini dei coniugi, dopo essere venuti a conoscenza della situazione della donna e del sacrificio di suo marito, si sono tutti impegnati per aiutarli il più possibile. Nel villaggio infatti tutti si sono resi in qualche modo utili per migliorare la condizione di Zhou e Du, anche solo andando a trovarli o portando la spesa. La solidarietà mostrata dai vicini si è presto propagata anche tra le autorità locali che hanno deciso di sostenere la famiglia nel momento del bisogno.

Aggiungi un commento