Capelli sfibrati e rovinati? Trattali con dolcezza

In questi mesi di freddo intenso ci si può ritrovare con capelli danneggiati e difficilmente gestibili. Tuttavia, prendersene cura è molto facile

In questi mesi di freddo intenso ci si può ritrovare con una chioma danneggiata e difficilmente gestibile, di solito dovuta a eccessiva secchezza e fragilità dei capelli, esasperati dalle condizioni atmosferiche tipiche dell’inverno. Per risolvere il problema dei capelli sfibrati e rovinati si consiglia innanzitutto di seguire una dieta sana e bilanciata ricca di verdure e cereali, che assicura il corretto apporto di tutti quei nutrimenti che si rivelano preziosi per i capelli.

Prendersi cura dei capelli danneggiati

Evitare piastre o trattamenti aggressivi: il calore eccessivo fornito da piastre e arricciacapelli, come pure alcuni trattamenti chimici per stirare o arricciare i capelli, possono indebolire la chioma e arrivare persino a bruciarne il rivestimento esterno. Trattandosi di trattamenti piuttosto aggressivi per i fusti, poi, causano una maggiore opacità e aridità, che porta i capelli a spezzarsi e alla comparsa delle famigerate doppie punte.

Usare tinte delicate e di qualità: le tinte possono peggiorare la situazione perché, se non si tratta di prodotti di qualità, possono stressare e danneggiare molto la chioma. Per questo motivo è consigliabile acquistare una tinta per capelli in farmacia e affidarsi a brand sicuri come Bioscalin, ad esempio.

Non lavarli troppo spesso e usare acqua tiepida: per quanto riguarda il lavaggio dei capelli, è bene seguire alcune semplici regole che, se rispettate, possono fare davvero la differenza. Ad esempio si dovrebbe sempre evitare di fare lavaggi troppo frequenti, in modo da non stressare e indebolire ulteriormente la chioma. Inoltre, attenzione alla temperatura: nello specifico, evitare di usare acqua troppo calda, in quanto le temperature elevate possono peggiorare le condizioni dei capelli aridi e sfibrati.



Pettinarli da bagnati e con un pettine a denti larghi: la fase di pettinatura è molto delicata, perché può diventare un’ulteriore fonte di stress non indifferente per i capelli. Per questo è il caso di pettinarli con un pettine a denti larghi quando sono ancora bagnati.

Non asciugarli sfregandoli: uno degli errori più diffusi, quello di asciugare i capelli frizionandoli con l’asciugamano, che contribuisce a renderli più fragili. Meglio limitarsi a tamponare delicatamente la chioma, per eliminare l’acqua in eccesso dopo il lavaggio ed evitare di fare danni.

Asciugarli nel modo corretto: è consigliabile asciugarli usando il phon a una distanza di circa 10-15 centimetri. Inoltre è sempre bene impostare una temperatura media o, in alternativa, cercare di farli asciugare all’aria aperta ogni volta in cui se ne ha l’occasione.