Come fare addormentare il proprio figlio in 40 secondi

Se le ninna nanne, ciucci di ogni tipo e carillon non bastano per far addormentare vostro figlio, c'è il "metodo del fazzoletto" che salva la vita a molti genitori

Essere genitori, per i primi periodi dopo la nascita, può essere una sfida davvero complicata e difficile. Il primo cambiamento da affrontare è sicuramente la perdita di sonno a causa degli orari sballati dei figli. Per questo Nathan Dailo, di Sidney, padre di un bambino di appena 3 mesi ha sperimentato un modo efficace per far addormentare il proprio figlio nel giro di 40 secondi. Lo mostra attraverso un video che ha rivoluzionato la vita di molti genitori. Nathan fa rilassare il figlio sventolando, semplicemente, un fazzolettino sul viso del bambino che lentamente chiude gli occhi e si addormenta.

Le parole del padre

I genitori che hanno visto il video hanno subito ringraziato Nathan che pare abbia cambiato le loro vite. Il sonno è sicuramente una parte importante nella vita di tutti, per questo è giusto riposare nel modo migliore possibile. Sotto il video che Nathan ha postato ha, infatti, scritto: “sono sicuro che ogni genitore cerca nuovi modi per far addormentare il proprio bambino. Guardate la tecnica che abbiamo utilizzato io e mia moglie con il nostro bambino di 3 mesi, Seth. In meno di un minuto mio figlio si è addormentato utilizzando nient’altro che un pezzo di carta velina.”  


Altri metodi per far dormire i propri figli

Il video ha raggiunto più di 11 milioni di visualizzazioni, con quasi mille commenti di utenti che ringraziano il papà di Seth e altri che commentano ironicamente. Sicuramente il metodo non risulta efficace per tutti i bambini e, proprio su questo, Nathan ha detto al Time: “Ricordatevi che tutti i bambini sono diversi e quello che funziona per alcuni genitori potrebbe non funzionare per gli altri. Usate sempre l’istinto. Siete voi i genitori”. Nathan ha anche affermato che questo non è l’unico metodo per fa addormentare i propri figli. “Il metodo del fazzoletto non è nulla di speciale, in realtà. Qualsiasi luce che va a toccare sul viso del bambino, come la testa, la fronte o il ponte del naso, potrebbe anche funzionare”. Insomma, i genitori del piccolo Seth ne hanno proprio per tutti.

Guarda il VIDEO:

Fonte video 

Aggiungi un commento