Unghie: ecco il rivoluzionario smalto in polvere

Sta letteralmente spopolando sul web, è lo smalto in polvere. Dura di più, è facile da applicare, magnifico da vedere. Ci saranno anche dei difetti?

9
Consiglia
La manicure che dura più di due settimane sembra solo un miraggio? Per non ricorrere sempre alla costosa ricostruzione in gel o in acrilico abbiamo indagato sul nuovo metodo che fa impazzire il web.

Lo smalto in polvere

Il Dip powder nails è un metodo veloce e soprattutto facile per stendere lo smalto senza sbavature, difetti o altre difficoltà. Consiste in un vasetto con della polvere colorata che aderisce all’unghia naturale grazie ad una base top coat stesa precedentemente. In seguito, si immerge il dito nel vasetto con la polvere del colore scelto, come spiega Erica Marton esperta nel campo. L’operazione si può ripetere più volte in base all’intensità di colore che si vuole raggiungere e poi basta scuotere il dito per togliere la polvere in eccesso, infine si prosegue con l’asciugatura all’aria senza il bisogno della lampada a raggi UV. La manicure potrà durare più di un classico smalto. Il prodotto non è del tutto nuovo, ma grazie ai social, si è diffuso in modo virale. Lo smalto in polvere al momento si trova facilmente online.

Inconvenienti

Questo nuovo metodo, però, non rappresenta esattamente la scelta più sana per le unghie naturali. Il pigmento contiene infatti MMD un eccipiente estremamente pericoloso. Ruth Kallens, partner e fondatrice di Van Court, celebre salone di bellezza americano che si occupa del benessere delle unghie, sostiene che lo smalto in polvere sia come l’acrilico. Inoltre, la sua rimozione sembra essere molto dannosa per la superficie dell’unghia. Christine di Nailogical, una blogger che si occupa di bellezza, ha realizzato un video dove mostra l’intero processo di immersione e successivamente di rimozione dello smalto in polvere, alla fine si dichiara d’accordo con gli esperti. È vero, può essere un metodo facile da applicare e più veloce rispetto allo smalto tradizionale, ma davvero conviene utilizzarlo?

Guarda il VIDEO:

Fonte video 

Aggiungi un commento