Tra ironia e verità, gli uomini sono le nuove donne

Ormai si fanno venire a prendere, offrire la cena e sono molto attenti al loro aspetto: ecco chi sono le nuove donne di oggi

È proprio vero quando si dice, “non ci sono più gli uomini di una volta”. Vi ricordate dell’uomo virile e sicuro di sé, quello che non deve chiedere mai? Beh, pare che i bei tempi siano finiti con la sconfitta del maschio.

Gli uomini sono le nuove donne

Qualche mese fa è nata su Facebook la pagina “Gli uomini sono le nuove donne” che oggi vanta, circa, 93 mila “Mi Piace”. Ogni giorno ironicamente si polemizza sul nuovo metodo di corteggiamento, condotto per lo più, dalle donne. È un angolo dedicato allo sfogo femminile e alle nuove dinamiche di coppia, e sembra aver fatto un successone. Scorrendo tra i vari post si possono leggere i commenti davvero esilaranti delle donne su alcune situazioni nelle quali sembrano immedesimarsi. La pagina è ben rifornita di screenshot (ovvero istantanee dello schermo) di conversazioni che raccontano uscite disastrose e serate finite in bianco.


Chi-sono-le-nuove-donne-gli-uomini-di-oggi

Il lei e il lui di oggi

E dopo anni di continue lotte per ottenere la parità dei sessi, ecco che i ruoli sembrano essersi invertiti. È vero, le donne sono più sicure, più intraprendenti, ma l’uomo di oggi sembra essere un cucciolo indifeso, non più quell’essere un po’ furbetto dal quale le ragazze dovevano guardarsi per non finire nella sua trappola come l’ennesima preda conquistata. Il lui moderno è timoroso, ha paura di essere usato o che i suoi sentimenti non vengano considerati. Oggi, il genere maschile sembra completamente cambiato: fa attenzione alla ceretta, alla maschera per il viso, ai brufoli o salta un pasto per mantenere la linea. Ormai, è solo un cercare di abbinare la maglietta all’intimo o ad essere sempre aggiornati sulle ultime tendenze in fatto di moda e mentre lei gli chiede: “Sali da me?”, lui le risponde: “Ho Sonno”. Non è che forse la colpa di tutti questi cambiamenti è anche un po’ nostra?

Aggiungi un commento