pantaloni a zampa

I pantaloni a zampa d’elefante ormai costituiscono un evergreen della moda. Hanno spopolato negli anni’ 60-70 tornando in voga anche nel 2019 e adesso si impongono come trend.

Se indossati nel modo giusto sono in grado di slanciare la figura, esaltando i punti di forza del proprio corpo.

Cosa sono i pantaloni a zampa

Questa tipologia di pantalone è aderente nella parte alta e si allarga verso il basso. L’ampiezza della “zampa” può variare.

Se più stretta i pantaloni a zampa vengono definiti “bootcut” e la loro peculiarità è quella di avere un’apertura più stretta nella parte terminale del pantalone. I pantaloni a zampa erano parte del look tipico dei giovani a fine anni ’60 e inizio anni ’70. Si può dire che siano diventati iconici e rappresentativi della moda di quel periodo. I pantaloni a zampa sono tra l’altro perfetti in qualsiasi tessuto, dal jeans al lino.

Con quali scarpe vengono valorizzati i pantaloni a zampa

La scelta delle scarpe da abbinare con i pantaloni a zampa non è da sottovalutare per esaltarne i pregi. La prima è sicuramente la décolleté a punta che fuoriesce appena dall’orlo del pantalone creando equilibro nella figura e dando un tocco elegante e raffinato.

Le zeppe sono un’idea fantastica da abbinare ai pantaloni a zampa per dare al proprio look un aspetto casual e confortevole ma comunque alla moda, ideale per il giorno durante la stagione primaverile ed estiva. Per l’inverno, anche gli anfibi con la zeppa si rivelano perfetti con questa tipologia di pantalone. Le scarpe da ginnastica invece appiattiscono un po’ il modello, non valorizzandolo al 100%.

Per la stagione autunnale e invernale, gli stivaletti con il tacco e anche quelli con la punta più arrotondata sono comunque adatti ad esaltare questo modello, conferendogli un tocco glamour, ideale anche per la sera in situazioni più eleganti.