bonus-psicologo
Advertisement

Dopo tanti tira e molla, il sollecito da parte dell’ordine ed una petizione online, finalmente nel decreto Milleproroghe è entrato ufficialmente l’emendamento sul bonus psicologo. Presto sarà dunque disponibile la procedura per richiedere un sostegno economico destinato alla copertura delle spese per la psicoterapia. 

Bonus psicologo: una rivoluzione culturale

Nella notte tra il 16 e il 17 febbraio, durante la seduta fiume dedicata alle votazioni degli emendamenti al Milleproroghe, le commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato il bonus psicologo.

Si tratterà sostanzialmente di un sostegno economico destinato alla copertura delle spese per la psicoterapia. La notizia ha avuto una forte eco nell’opinione pubblica e tra le associazioni di categoria. Secondo David Lazzari, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi, si tratta di una vera e propria rivoluzione culturale.

Il nostro paese infatti non è dotato di una rete pubblica di psicologi ed andare in terapia, con le parcelle dei professionisti che oscillano tra i 50 e i 150 €/ora, è un lusso che in pochi possono concedersi. La rivoluzione, secondo Lazzari, sta proprio nello scardinare quel pregiudizio secondo il quale decidere di andare dallo psicologo è un vezzo, una libera scelta.

Un sostegno per rispondere alle esigenze  dei cittadini

In una lunga intervista a Il sole 24 ore, David Lazzari ha illustrato la drammatica situazione del disagio psichico in Italia. “Nella popolazione generale come sintomi depressivi siamo al 31%, come sintomi ansiosi al 32% e come “distress” al 41%.” E aggiunge: “Con la pandemia sono poi nate delle sotto-popolazioni, come quella che ha “fatto la quarantena” ed è al 38% di sintomi depressivi e al 57% di ansia.”

Sottolinea poi la situazione degli under 18 dove, secondo il presidente dell’ordine, ben il 48% manifesta sintomi post traumatici causati dall’isolamento forzato. Una fotografia allarmante a cui il governo non poteva non rispondere. Grazie alle pressioni della categoria, all’evidenza dei dati e alla mobilitazione dei cittadini il sostegno ora si è fatto più concreto.

Bonus psicologo: come funzionerà

Il bonus psicologo sarà un contributo per le spese delle sessioni di psicoterapia a disposizione di tutti i cittadini. In sostanza si tratterà di un sostegno fino a 600€ a persona. Verrà erogato in base al reddito e tutti i contribuenti con ISEE inferiore a 50mila euro potranno beneficiarne.

La relazione tecnica ha spiegato che il contributo intende coprire fino ad un massimo di 12 sedute, immaginando una tariffa oraria di circa 50€/ora. Il bonus potrà essere utilizzato per coprire le prestazioni di tutti gli psicoterapeuti privati regolarmente iscritti all’albo.

Le istruzioni dettagliate per richiedere il bonus verranno diffuse dal Ministero della Salute entro 30 giorni dal varo del Milleproroghe, previa stabiliti gli accordi con la Conferenza di Stato, regioni e province. La speranza è che i termini con cui il bonus psicologo è stato approvato possano rimanere tali anche se, in questa fase, modalità di presentazione della domanda, entità e requisiti potrebbero ancora essere modificati.

Leggi anche

Sesso e Covid: la pandemia ha colpito anche la sfera più intima delle coppie

I consigli di una psicologa per aiutare i bambini ad affrontare l’isolamento

Depressione: il coming out di Bella Hadid e la felicità posticcia dei social