elisabetta-franchi-stilista-bufera-social
Advertisement

Invitata ad un convegno dal titolo Donna e Moda, Elisabetta Franchi ha detto la sua riguardo all’annoso problema che si trovano ad affrontare le donne: scegliere tra carriera o famiglia. La sua opinione a riguardo ha scatenato una marea di polemiche sui social ma l’imprenditrice non ci sta e replica: “Sono state fraintesa, le mie parole strumentalizzate.”

Le parole di Elisabetta Franchi

Nel weekend la famosa stilista Elisabetta Franchi, creatrice dell’omonimo brand, ha partecipato al convegno organizzato da PwC Italia e Il Foglio intitolato Donna e Moda: il barometro 2022. Chiamata a raccontare la sua esperienza davanti alla platea, l’imprenditrice ha spiegato così la sua opinione riguardo al rapporto donna e lavoro: “Quando metti una donna in una carica molto importante poi non ti puoi permettere di non vederla arrivare per 2 anni, perché quella posizione è scoperta.”

Tentando poi di spiegarsi meglio, ha aggiunto: “Un imprenditore investe tempo, energia e denaro e se ti viene a mancare è un problema, quindi anche io da imprenditore responsabile della mia azienda spesso ho puntato su uomini.” Una frase che certamente non ha migliorato il concetto esposto nella prima e che ha fatto storcere il naso a molti e molte.

Infine, l’affondo finale: “Oggi le donne le ho messe ma sono ‘anta’, questo va detto, comunque ancora ragazze ma cresciute. Se dovevano far figli o sposarsi lo avevano già fatto, e quindi io le prendo che hanno fatto tutti i giri di boa, sono al mio fianco e lavorano h24, questo è importante.”

La reazione dei social alle parole di Elisabetta Franchi

Com’è facile immaginare, le polemiche non sono tardate ad arrivare. Sui social non sono mancati commenti di sdegno. Tra i tantissimi, ne leggiamo uno che recita: “Elisabetta Franchi (per giunta donna, madre di 2 figli e imprenditrice) ci spiega che noi donne non possiamo assumere ruoli importanti, perché sia mai che all’improvviso decidi di sposarti e rimanere incinta.” Alcuni sono stati così duri e offensivi da costringere la maison di moda a limitare i commenti sotto il video postato su Instagram. Su Twitter, le sue dichiarazioni sono diventate in poche ore trending topic del giorno.

In effetti, ascoltate così, queste dichiarazioni certamente fanno male. Sentir dire da un’imprenditrice di successo che una ragazza non può ricoprire ruoli di rilievo in un’azienda perché la maternità non può conciliarsi con gli impegni di lavoro risulta difficile da accettare. Secondo Elisabetta Franchi però, le sue parole sono state fraintese e il video che è circolato, estrapolato dal contesto più ampio, non renderebbe giustizia al suo pensiero.

La replica di Elisabetta Franchi

La replica di Elisabetta Franchi è arrivata nel giro di poche ore. La stilista, dal suo profilo Instagram, ha scelto di fare chiarezza e di spiegare a tutti che le sue parole, così estrapolate, sono state fraintese. L’imprenditrice emiliana ha dunque postato una serie di stories nelle quali ha cercato di placare le critiche al suo intervento.

“L’80% della mia azienda sono quote rosa, di cui il 75% giovani donne impiegate, il 5% dirigenti e manager donne. Il restante 20% sono uomini di cui il 5% manager.” E prosegue: “C’è stato un grande fraintendimento per quello che sta girando sul web, strumentalizzando le parole dette.”

Spiega poi: “L’oggetto di discussione dell’evento a cui ho partecipato è la ricerca di Price ‘Donne e Moda’ da cui è emerso che nella realtà odierna le donne non ricoprono cariche importanti. Perché? Purtroppo, al contrario di altri Paesi, è emerso che lo Stato italiano è ancora abbastanza assente, mancando le strutture e gli aiuti, le donne si trovano a dover affrontare una scelta tra famiglia e carriera.” E conclude infine: “Come ho sottolineato, avere una famiglia è un sacrosanto diritto. Chi riesce a conciliare famiglia e carriera è comunque sottoposta a enormi sacrifici, esattamente quello che ho dovuto fare io.” 

Elisabetta Franchi e il ricordo dei sacrifici fatti

Per placare definitivamente la polemica, Elisabetta Franchi ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera e ora il suo pensiero appare decisamente più chiaro. “La gente pensa che il lavoro nella moda sia tutto un lustrino”, ha raccontato alla testata. “È una realtà durissima, in cui bisogna stare sul pezzo e prendere al volo un aereo”, ha invece sottolineato la stilista. 

Poi la confessione: “Io stessa sono una madre che dopo 3 giorni dal taglio cesareo era in azienda: è stata una violenza.” E aggiunge: “Le donne vanno sostenute: mi auguro di trovare più dirigenti donne in futuro, ad oggi non ne vedo.” Lette da questo punto di vista, le parole di Elisabetta Franchi assumono tutto un altro peso. Forse avrebbe potuto trovare un altro modo per dirlo, ma il problema sollevato – in fin dei conti – è sempre lo stesso.

Le donne fanno ancora fatica a inserirsi nel mondo del lavoro, perché quest’ultimo è pensato e regolato secondo regole e ritmi maschili. In Italia ancor più che in altri stati, le donne possono seguire solo 3 vie: dedicarsi alla famiglia, lavorare senza avere particolari aspirazioni oppure costruirsi una carriera con enormi sacrifici. 

Possibile che nel 2022 l’unico modello di imprenditrice cui far riferimento sia quello dell’eroina disposta a soffrire, a faticare e a rinunciare? Possibile che una donna debba faticare il doppio per ottenere la metà rispetto a un uomo? Di strada ce n’è ancora molta da fare.

Leggi anche

Fondo Impresa Femminile: un primo passo per aiutare il lavoro delle donne

Genitorialità e lavoro: discriminati anche chi i figli non li ha

Essere una madre in carriera: quanto è difficile riuscire a realizzarsi dal punto di vista lavorativo quando si ha una famiglia?