fondo-imprese-femminile
Advertisement

Buone notizie per le donne che sono o sognano di diventare imprenditrici. Dal 5 maggio 2022 ha preso il via l’iniziativa del MiSE per incentivare il lavoro indipendente delle donne. Tra contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso zero, questa è sicuramente un’iniziativa del governo che ci piace particolarmente. Un segnale forte a favore di chi, la pandemia, l’ha pagata a caro prezzo e ora vuole ripartire.

Chi può richiedere il Fondo Imprese Femminile

Il Fondo Imprese Femminile dipone di circa 200 milioni di euro, di cui 160 provenienti dal PNRR e 40 stanziati dalla legge di bilancio 2021. Si tratta di un fondo destinato esclusivamente alle donne e, nel dettaglio, potranno beneficiarne 4 tipologie diverse. Le società di capitale con almeno 2 terzi dei componenti del consiglio di amministrazione donne e le cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne socie. Rientrano inoltre le imprese individuali con titolare donna, le lavoratrici autonome con partita IVA e persino le persone fisiche che intendono costituire la propria azienda proprio grazie al fondo. 

Cosa finanzia il Fondo Imprese Femminile

Il fondo finanzia con contributi a fondo perduto progetti d’investimento fino a 250mila euro. Nello specifico, per quelli fino a 100 mila euro, l’agevolazione copre fino all’80% delle spese. La percentuale arriva al 90% nel caso in cui il progetto sia presentato da donne disoccupate. Per progetti di importo superiore invece, il fondo copre il 50% fino ad un tetto massino di 125 mila euro.

Se invece a richiedere fondi sono realtà attive da più di 12 mesi, grazie ad un mix di contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso zero, possono essere proposti progetti fino a 400 mila euro con una copertura massima di 320 mila euro.

È inoltre previsto un voucher da 2mila euro da utilizzare a copertura del 50% del costo per l’acquisto di servizi di marketing e comunicazione, consulenza strategica e tutoraggio per la stesura del progetto, per la compilazione o per la presentazione dello stesso.

Come e dove richiedere il Fondo Imprese Femminile

A partire dalle ore 10:00 di giovedì 5 maggio 2022 è possibile accedere allo sportello online per la compilazione delle domande. Quest’ultime potranno essere inviate dal 19 maggio, e riguarderanno esclusivamente le nuove imprese o quelle costituite da meno di 12 mesi. Le aziende attive da più di un anno potranno compilare le domande a partire dal 24 maggio, e iniziare a inviarle dal 7 giugno. Sarà Invitalia a gestire il Fondo Imprese Femminile. Si tratta dell’agenzia nazionale che, per conto del Ministero dello sviluppo economico, attrae, favorisce e gestisce gli investimenti per lo sviluppo delle imprese del nostro Paese.

Infine ricordiamo che, per accedere alla piattaforma e compilare la domanda, è necessario possedere un’identità digitale (SPID, CNS o CIE), disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). Per le persone fisiche ancora non costituite, la PEC deve essere a nome del soggetto referente della società che si intende creare.

Leggi anche

Imprenditoria femminile: le invenzioni delle donne che ci hanno cambiato la vita

L’Estetista Cinica: il business e la storia di successo di Cristina Fogazzi

Letizia Battaglia: l’incredibile storia di riscatto di una delle fotografe più apprezzate al mondo