robin williams

La morte e le malattie non guardano in faccia nessuno, colpiscono indistintamente personaggi famosi e persone comuni.

Il morbo di Parkinson di certo non fa eccezione. Sono stati tanti i personaggi famosi, di rilievo dal punto di vista storico, sportivo o culturale, colpiti da questa terribile malattia: dal celebre pugile Muhammad Ali al giornalista Vincenzo Mollica, dall’attore Robin Williams a Papa Giovanni Paolo II.

Il 30 novembre è il decimo anniversario della giornata nazionale del morbo di Parkinson, “un disturbo motorio degenerativo e progressivo classificato come malattia cerebrale“, come è spiegato sul sito della Fondazione Umberto Veronesi.

Si tratta di una malattia terribile per la quale non è ancora stata trovata una cura, ma solo trattamenti che aiutano chi ne è affetto a gestirne i sintomi (tremore a riposo, rigidità, bradicinesia, instabilità posturale, depressione e demenza).

In questa occasione, ricordiamo i personaggi più celebri colpiti da questo terribile morbo che, come le persone comuni, insieme ai loro caregiver hanno fatto o fanno i conti quotidianamente con questo male.

Scopriamo insieme 10 personaggi famosi colpiti dal morbo di Parkinson:

Papa Giovanni Paolo II

I primi sintomi del morbo di Parkinson furono riscontrati nel 1991, quando Papa Giovanni Paolo II fu colpito da un tremore persistente alla mano sinistra. Chi è più adulto ricorda poi la progressiva difficoltà del Santo Padre nel pronunciare le parole, un’altra terribile conseguenza del morbo. Intorno al 2000, l’avanzare della malattia ha portato Papa Giovanni Paolo II ad avere problemi motori, cosa che comunque non gli ha impedito di continuare a viaggiare per il mondo.

Papa Giovanni Paolo II, foto: Wikipedia

Muhammad Alì

A Muhammad Alì (all’anagrafe Cassius Marcellus Clay Jr) venne diagnosticato il morbo di Parkinson dal dottor Abe Lieberman, nel 1984, quando il pugile aveva 42 anni. Si sospetta che abbia giocato un ruolo di primo piano la sua carriera di pugile nel contrarre la malattia. Dopo la sua morte, avvenuta il 3 giugno 2016, il dottor Abe Lieberman aveva detto: “Non penso che la boxe sia stata la causa per cui Ali ha contratto il Parkinson. Anche se non posso esserne certo al cento per cento“.

Muhammad Alì

Robin Williams

Anche l’attore Robin Williams era affetto dal morbo di Parkinson. La sua vita finì tragicamente: l’attore, famoso per film come (L’attimo fuggente, Patch Adams, ecc.) si tolse la vita all’età di 63 anni. La moglie Susan Schneider, dopo la sua morte, ricordando il coraggio di suo marito scrisse in un comunicato “lottava contro la depressione, l’ansia e anche un principio di Parkinson, di cui non era ancora pronto a parlare pubblicamente“.

Robin Williams, foto: Wikipedia, autore Eva Rinaldi, fonte Flickr, immagine modificata

Vincenzo Mollica

Giornalista, scrittore e disegnatore di grande talento e mai parco di complimenti alle star, Vincenzo Mollica, è uno dei volti simbolo della TV italiana. Qualche tempo fa, è diventato di dominio pubblico che, dopo la cecità, è stato colpito anche dal morbo di Parkinson. In una recente intervista rilasciata al Corriere della sera, Vincenzo Mollica ha affermato con grande autoironia: “Le mani che tremano? Quello è il morbo di Parkinson. Non mi faccio mancare nulla. Ho pure il diabete. Sono un abile orchestratore di medicinali“.

Vincenzo Mollica, fotogramma YouTube Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus

Michael J. Fox

Tutti lo ricordiamo nella saga di Ritorno al Futuro nei panni del 18enne Marty McFly, non tutti sanno che Michael J. Fox è affetto dal morbo di Parkinson da molto tempo, dal 1991. Il suo è stato uno dei casi in cui la malattia si è manifestata in modo precoce, infatti, al celebre attore è stata diagnosticata all’età di 30 anni. In un’intervista al New York Times, Michael J. Fox aveva affermato in merito al suo rapporto con il morbo: “Ho sviluppato un rapporto col Parkinson in cui gli ho concesso una stanza per fare ciò che ha bisogno di fare. Questo mi ha lasciato delle aree dove realizzarmi e migliorare. Accettare la malattia non vuol dire rassegnarsi. Significa capirla e affrontarla in modo diretto, senza fingere che non esista“.

Michael J. Fox in Ritorno al Futuro, fotogramma You Tube CineFollow

Katharine Hepburn

Grandissima attrice che ha senza dubbio scritto un pezzo di storia del cinema, Katharine Hepburn era affetta dal morbo di Parkinson. L’attrice è scomparsa nel 2003 a 96 anni. Tutti la ricordano in film iconici come Indovina chi viene a cena?, Sul lago dorato e Piccole donne. Durante la sua carriera ha avuto ben 12 nomination al premio Oscar come miglior attrice protagonista.

Katharine Hepburn, fotogramma You Tube Carlo Alberto Ceraulo

Salvador Dalí

Un team di scienziati dell’Università di Liverpool ha condotto un’analisi frattale su 2092 quadri di 7 diversi artisti ipotizzando che a partire dal ripetersi di alcune figure geometriche potessero emergere alcuni segnali in grado di indicare la presenza di disturbi neurodegenerativi nell’artista. Secondo questa ricerca, Salvador Dalí avrebbe sofferto del morbo di Parkinson.

Salvador Dalí, foto: Wikipedia

Vincent Price

Attore di acclarata fama, Vincent Price fu un’icona dei film horror negli ’50 e ’60. Interpretò sopratutto ruoli da “cattivo”, è ricordato per il suo ruolo da protagonista in L’abominevole dottor Phibes. Stimatissimo dal celebre regista Tim Burton che lo volle a tutti i costi nel cast di Edward mani di forbice anche se fu costretto a ridimensionare la sua presenza in scena a causa del morbo di Parkinson di cui era affetto.

Vincent Price nel film Gordon, il pirata nero, foto: Wikipedia

Johnny Cash

È stato forse l’interprete più rappresentativo della musica country e del folk americano, Johnny Cash ha venduto più di 90milioni di dischi. A lui e alla sua straordinaria vita fatta di alti e bassi sono state dedicate numerose opere, tra cinema e letteratura, non ultimo il film Quando l’amore brucia l’anima, in cui il suo personaggio viene interpretato da Joaquin Phoenix. Nel 1997, la sua portavoce riferì che i dottori avevano diagnosticato a Johnny Cash il morbo di Parkinson. Nel 2003, quando aveva 71 anni, il musicista è deceduto, pochi mesi dopo la moglie June.

Johnny Cash, foto: Wikipedia

Giulio Natta

Al celebre scienziato Giulio Natta fu diagnosticato il morbo di Parkinson quando aveva 53 anni, nel 1956. La sua fu una vita trascorsa a condurre prestigiose ricerche e, insieme a Karl Ziegler, nel 1963 fu insignito del Premio Nobel per la chimica per le loro ricerche in campo chimico e della tecnologia dei polimeri. Morì a 76 anni a Bergamo, dove era curato dalla figlia, Franca.

Giulio Natta, foto: Wikipedia

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici su Facebook!