Zona V: come mantenere la pelle del viso e del collo tonica

zona-v-mantenere-pelle-viso-tonica

Con zona V si definisce l’ovale del viso, quell’area triangolare compresa tra mento, mandibola e orecchio. Si tratta di una delle zone più soggette a cambiamenti nel corso degli anni e che progressivamente subisce un “crollo” naturale dei tessuti. Ecco perché oggi parliamo di tutti i rimedi cui possiamo ricorrere per mantenerla tonica il più possibile.

Perché la zona V tende a cedere?

La forma del viso a V è caratterizzata da zigomi pronunciati, guance toniche e una linea della mascella affilata il cui vertice è rappresentato dal mento. Le donne che presentano queste caratteristiche sono rare (vedi Angelina Jolie) oppure molto giovani (pensiamo alla super modella 26enne Bella Hadid).

La maggior parte delle altre presenta forme più tondeggianti o squadrate ma, indipendentemente dalla morfologia, è bene prendersi cura del margine del proprio viso perché si mantenga tonico.

Questa parte del volto, infatti, è caratterizzata da pelle molto sottile e soggetta a continue sollecitazioni. Mimica facciale, sbalzi di temperatura, trucco, smog e forza di gravità la mettono costantemente a dura prova. Ecco perché dovremmo prendercene cura prima ancora che i tessuti inizino a cedere.

Come mantenere tonica la zona V: i metodi meno invasivi

Il modo migliore per prendersi cura della zona V fin da giovanissime è introdurre nella propria beauty routine dei massaggi mirati e del face yoga.

Non occorre perdere troppo tempo: è sufficiente farli mentre si applica una qualsiasi crema idratante. 

Per un trattamento più mirato ed efficace invece si possono scegliere creme e gel a base di acido ialuronico. Questa sostanza è in grado di penetrare nel derma migliorando l’elasticità e il tono della pelle che risulterà più compatta. In questo caso l’applicazione ottimale è quella con l’ausilio di rulli di giada o massaggiatori sferici per il viso.

Tonificare la zona V con i trattamenti estetici

Per chi vuole tonificare la zona V attraverso trattamenti estetici più incisivi può ricorrere a diversi metodi.

Uno di quelli più in voga del momento è la radiofrequenza, scelta anche da vip come Kim Kardashian. Una cannula rilascia onde e calore capaci di contrarre stimolare le fibre di collagene. L’effetto tensore e tonificante è immediato e alla lunga è capace di rallentare il processo di invecchiamento e cedimento della zona V.

Esiste poi un trattamento chirurgico definito di micro lifting. Attraverso degli aghi, vengono inseriti dei fili bioriassorbibili grazie ai quali è possibile riposizionare i tessuti cutanei. A differenza del classico e più invasivo lifting, questo trattamento ha una duplice funzione.

Oltre a rimodellare immediatamente il margine del volto, questi fili sono in grado di riattivare la produzione naturale di collagene, favorendo il mantenimento della pelle ricompattata.

Leggi anche

Skin care: come curare la tua pelle secca, mista o grassa

Trattamenti al retinolo: cosa sono e come introdurli nella beauty routine

La salute della pelle passa anche dai cibi che scegliamo: scopri quali sono gli alimenti anti-age

Pubblicità

Potrebbe interessarti