arrivare-preparati-rientro-scuola
Advertisement

Settembre è arrivato e con lui anche il rientro a scuola si avvicina. Questo è uno dei periodi più stressanti dell’anno, sia per noi adulti che per i nostri figli. Ecco allora qualche consiglio per arrivare preparati e sereni al suono della campanella.

Rientro a scuola: imparare ad ascoltare i propri figli

Settembre è un mese particolarmente complicato. Dopo la pausa estiva occorre ritornare alla quotidianità anche se la pelle è ancora abbronzata e quel tormentone estivo proprio non ci lascia. La maggior parte di noi adulti è concentrata su di sé, sul ritorno agli impegni lavorativi o sulle grandi pulizie dopo le vacanze. Questo ci può provocare un forte stress che va a sommarsi a quello dei nostri figli.

Sì, perché anche loro possono fare fatica dopo 3 mesi di stop. C’è chi è arrivato lungo con i compiti, chi teme l’ingresso in una nuova scuola, chi proprio non riesce ad abituarsi all’idea di dover ricominciare a svegliarsi presto. Ciò che un genitore dovrebbe imparare a fare, a maggior ragione in un momento così delicato, è imparare ad ascoltare i propri figli.

Anche se siamo presi dai nostri impegni, non dovremmo mai dimenticare di parlare con loro, ascoltare le loro preoccupazioni e cercare di aiutarli infondendogli la giusta fiducia. Un buon rapporto dialettico diminuisce notevolmente i livelli di stress in casa, trasformandola nel nido accogliente che dovrebbe essere.

Giocare d’anticipo

Facile a dirsi, difficile a farsi. O forse no! Il conto alla rovescia è iniziato ma siamo ancora in tempo per organizzare al meglio il rientro a scuola. Per non ridurci all’ultimo possiamo giocare d’anticipo preparando liste e tabelle. Iniziamo dall’elenco del materiale che manca (quaderni, grembiule, borraccia, tasse scolastiche, eccetera). Poi organizziamo gli impegni e gli acquisti in modo da arrivare al giorno X pronti e (relativamente) rilassati.

Stabilire una routine in vista del rientro a scuola

Durante le vacanze estive la routine cambia, i ritmi rallentano e il tempo dedicato al gioco e allo svago si dilata fino ad occupare gran parte della giornata dei più piccoli. Per non subire shock eccessivi, è consigliabile riprendere gradualmente gli orari autunno-invernali prima dell’inizio della scuola.

A partire dal primo di settembre, potreste provare ad anticipare di qualche minuto la sveglia e proporre ai vostri figli una giornata un po’ più strutturata. Potreste dedicare la mattinata alle faccende di casa o alle commissioni, stabilire un momento di gioco libero, uno per le passeggiate all’aria aperta e uno per la preparazione di tutto ciò che gli servirà per la scuola. Anche dal punto di vista alimentare, tornare agli orari invernali per i pasti è un ottimo modo per aiutare i nostri figli a ridurre l’ansia da rientro. 

Infine, ricordiamoci di non rinunciare mai a programmare un tempo per stare insieme in famiglia. Quando la scuola inizierà le occasioni per parlare, confrontarsi e divertirsi saranno meno. Approfittiamo di questi ultimi giorni di vacanza per godere dello stare insieme. Non c’è nulla capace di allontanare lo stress come lo stare insieme alle persone che si amano.

Leggi anche

Come superare il cosiddetto “Senso di colpa della mamma”

Scuola e gender gap: a che punto siamo in Italia?

Come convincere i vostri figli a raccontarvi com’è andata la giornata a scuola