Scuola e bambini: il trucco per farsi raccontare com’è andata

bambino scuola

Il cruccio di tutti i genitori è quello di chiedere ai propri figli come sia andata a scuola? Quotidianamente tentano di estorcere qualsiasi informazione sulla giornata scolastica appena conclusa…Ma, nulla! La risposta è sempre la stessa: “niente”.

Aspettate il momento giusto

Dopo una dura giornata di lavoro è impegnativo, sia per i grandi sia per i piccoli, trovare le forze e la voglia di raccontare ciò che è avvenuto. Mamme e papà si devono armare di tanta pazienza se hanno l’intenzione di attendere una risposta sensata alla loro domanda. Infatti, difficilmente i bambini hanno voglia di parlare. Al quesito “Cos’hai fatto a scuola”?

Dopo minuti di mutismo si accompagneranno espressioni come: “Non mi ricordo”, “nulla”, “niente di bello”. Quindi, attendete di arrivare a casa prima di tempestarli di domande. Nel caso contrario otterrete l’effetto opposto. Lasciate tempo e spazio anche ai bambini di riprendersi dal loro “lavoro” quotidiano.

Date l’esempio

Archiviata definitivamente la domanda a cui non otterrete risposta, dovrete cercare un nuovo trucco per farvi svelare la giornata scolastica del vostro piccolo. Forse, sarebbe meglio aspettare almeno di essere tornati a casa, prima di tempestarlo di domande. Poi, pensandoci bene neanche i genitori hanno tutto questa voglia di parlare. Quindi, perché dovrebbero averla i bambini?

Insomma, raccogliete le forze e cambiate direzione. Iniziate voi a raccontare il vostro lavoro e gli innumerevoli impegni che avete svolto durante la giornata. Questo sarà davvero una svolta per il rapporto con i figli. Sentendovi confidare con loro, saranno incuriositi e attenti e quando terminerete, saranno i piccoli a prendere la parola. Adesso è il loro turno! I bambini non vedranno l’ora di raccontare nei minimi dettagli quello che è accaduto a scuola, senza trascurare niente. Com’è possibile? Avranno seguito il vostro esempio. Parlando per primi avete dimostrato ai piccoli la voglia di raccontarvi e di confidarvi e loro lo faranno di conseguenza.

bambini scuola educazione

Pubblicità

Potrebbe interessarti