Arisa-confessione-shock-suicidio
Advertisement

La cantante Arisa, all’anagrafe Rosalba Pippa, è stata ospite a Ti sento, il programma in seconda serata su Rai 2 di Pierluigi Diaco. Fuori da ogni logica televisiva, senza alcun disco da promuovere o programma da vincere, la vincitrice di Ballando con le Stelle si è raccontata sotto una luce completamente diversa. 

Arisa: “Ho pensato di sottrarmi alla vita”

La conduzione di Pierluigi Diaco è nota per essere molto intima e introspettiva. Le sue lunghe interviste sono viaggi che accompagnano i telespettatori nella costruzione di ritratti spesso inaspettati degli ospiti. Questa edizione, partita la scorsa settimana con l’intervista a Drusilla Foer, certamente non è da meno. Anzi, nel corso della puntata del 19 aprile, la chiacchierata con Arisa si è fatta decisamente profonda e intensa, toccando aspetti della vita della cantante che sino ad allora erano rimasti sconosciuti.

A partire dai ricordi di infanzia, sino ad arrivare alla popolarità di oggi, Pierluigi Diaco ha cercato di indagare gli aspetti più intimi di Arisa, quelli che riguardano l’essenza di Rosalba Pippa al di là del suo valore artistico. Sono emersi aspetti molto bui, incertezze, dubbi e paure. Momenti di smarrimento e di desiderio di fuga sino ad arrivare ad un’affermazione davvero forte. Incalzata dal conduttore, Arisa ha ammesso: “Ho pensato di sottrarmi alla vita.”

La spiritualità di Arisa

La cantante di Pignola, visibilmente commossa, ha continuato: Penso che tutti un po’ lo pensiamo, io però sono una ragazza di fede e lo sono anche per questo.” Arisa ha poi approfondito: “C’era un periodo nella mia vita dove vedevo sempre che dopodomani c’era un buco nero, che non sapevo cosa mi sarebbe successo, che mi sentivo sola e abbandonata, che nessuno mi amava. Bruttissimo.”

Poi un giorno la svolta: “Piano piano dai valore alle tue priorità. Ti dici: ‘Okay, la vita mi ha dato cose belle e mi può dare anche cose brutte. Devo resistere.’” La forza, ha ammesso la cantante, l’ha trovata nella sua spiritualità. Arisa infatti ha raccontato al suo interlocutore di avere una concezione di fede particolare. Prega ogni giorno appena sveglia, perché a sua avviso la preghiera, al pari dei mantra orientali, è una forma di rilassamento. Crede nel cosmo, nelle energie, nell’oroscopo, nella reincarnazione. La sua è una visione quasi mistica del mondo, nel quale la sua felicità è strettamente connessa al bene che riesce a regalare alle altre persone. 

Amore e maternità: la riflessione di Arisa

Negli anni Arisa è ricorsa anche alla terapia. L’immagine che ha costruito di se stessa oggi è, come ha sottolineato, ancora in evoluzione. A proposito dell’amore, reduce da una serie di storie finite male, la cantante sembra essere arrivata a una convinzione piuttosto amara. “Non so se sono destinata a essere amata veramente”, ha confessato a Diaco.

Mentre rispetto alla maternità, ha ammesso che è un obiettivo per lei: Mi piacerebbe osservare una nascita da vicino e seguire i primi passi di una vita.” D’altro canto però questo desiderio si scontra con una presa di coscienza altrettanto forte: “Metto in conto che potrebbe non accadere, la vita mi ha già dato tanto.”

Amore, amicizie, carriera ma soprattutto la ricerca di una vera felicità. La cantante – alle volte buffa e strampalata, altre volte fragile e profonda – è consapevole che la strada è ancora lunga, ma assicura: “A volte ho paura, ma le cose possono cambiare. Sto lavorando tanto su di me.”

Leggi anche

Arisa e Vito Coppola: i vincitori di Ballando con le Stelle stanno insieme?