filo-arabo-pro-contro-epilazione

I peli superflui sono un problema per molte persone, ma rendere la pelle liscia senza dolore è possibile con l’antica tecnica epilatoria del filo arabo o filo orientale. Basta con le irritazioni della pelle e con mille epilatori che provocano non poco dolore, questo metodo, con un po’ di manualità, sarà l’alternativa adatta a epilare anche le zone più sensibili.

La tecnica dell’epilazione con il filo arabo è nata in Oriente molto tempo fa e consiste nell’estrazione dei peli utilizzando dei fili di seta o di cotone che non fanno provare dolore ma solo un leggero pizzico. Nonostante ci si possa anche epilare a casa, è consigliabile rivolgersi a un centro estetico per evitare irritazioni fastidiose della cute. Inoltre, anche se inizialmente era utilizzata solo per zone meno sensibili, come le gambe e le braccia, attualmente, grazie all’evoluzione tecnica, il filo arabo è adatto a epilare con estrema precisione anche le sopracciglia e i baffetti, che notoriamente sono zone più sensibili.

Cosa fare prima dell’epilazione con il filo arabo?

Per ottenere un risultato omogeneo e professionale, è bene preparare le zone da epilare seguendo due semplici passi. Il primo è quello di procedere facendo un scrub per eliminare le cellule morte e i peli incarniti, il secondo è quello di fare un bagno caldo. Infatti, questo ultimo step è utile per pulire bene la pelle e per dilatare i pori e ammorbidire i bulbi peliferi cosicché l’epilazione sia il più efficace possibile.

Come epilarsi con il filo arabo

Per poter procedere con l’epilazione è necessario procurarsi un filo di cotone o un filo di seta, afferrare un lato del filo creando una spirale e poi legare le due estremità. A questo punto si dovrà tenere il filo con il dito medio, il mignolo e l’anulare, attorcigliarlo tre o quattro volte in modo da creare una spirale che si riesca ad aprire e chiudere con il pollice e l’indice e, facendolo scorrere contropelo, i peli saranno estirpati dalla radice.

I pro e i contro dell’epilazione con il filo arabo

Il primo grande vantaggio del filo arabo è quello di essere adatto a rimuovere anche i peli corti e sottili come la peluria del viso ed è una tecnica molto precisa. In secondo luogo, non provoca irritazioni e rossori come nel caso della ceretta, e non provoca ferite come può succedere con il rasoio. Inoltre, questa tecnica epilatoria è adatta anche in estate quando si è abbronzate perché è possibile esporsi subito al sole, senza il pericolo che la pelle si irriti. Infine, non meno importante è che, il filo orientale, estirpando i peli alla radice, farà sì che ricrescano più lentamente e sempre più radi. Invece, per quanto riguarda i contro: inizialmente non sarà semplicissimo il fai da te ma si dovrà affinare pian piano la tecnica e, inoltre, non è particolarmente adatto a zone molto ampie, in quanto estirpando una fila di peli per volta, si impiegherà più tempo rispetto ad altre modalità di epilazione.

Leggi anche:

Addio ai peli superflui: ecco le nuove tecniche di depilazione

Depilazione: i segreti per non soffrire più

I falsi miti sulla depilazione intima integrale

Foto in alto: Shutterstock